News ed eventi

Scopri il Ghetto Ebraico

Se vieni a Venezia è assolutamente un "must" una visita al Ghetto Ebraico.
Lo proponiamo spesso come visita ai nostri clienti per due motivi:
è il più antico d’Europa e, in più, rappresenta la tradizione popolare della città.

Qualche cenno storico è d’obbligo e ve lo appunto qui di seguito.

Nonostante il quartiere ebraico sia abbastanza piccolo, sono presenti 5 sinagoghe appartenenti a 5 cinque diverse comunità Ebraiche, con usi, riti religiosi, lingue parlate diverse.

Il Ghetto è suddiviso in Nuovo e Vecchio. Nella parte del Ghetto Vecchio sorgono le sinagoghe della scuola tedesca (la più antica), della scuola Italiana (un edificio molto semplice in quanto gli Ebrei italiani erano i più poveri), e la piccola Scuola del Canton (l’unica riconoscibile dall’esterno per la piccola cupola in legno). Nel Ghetto Nuovo ci sono le due sinagoghe della Scuola Levantina e della Scuola Ponentina entrambe di rito Sefardita (i Sefarditi sono gli Ebrei provenienti dalla Penisola Iberica), tuttora utilizzate per il culto della religione. Entrambe le Sinagoghe possono essere visitate

Nel 1516 (anno della fondazione del Ghetto) venne chiuso da due cancelli così che solo gli Ebrei rimanessero all'interno. I cancelli venivano chiusi al tramonto e riaperti all’alba.
Con l’avvento delle leggi razziali, dal 1938 gli Ebrei furono privati dei loro diritti civili. Dei 246 Ebrei deportati solo 8 fecero ritorno a casa.

Dal 2014 anche la città di Venezia aderisce al progetto “Pietre d’inciampo”. In giro per la città, di fronte ad alcune abitazioni troverete delle targhette di ottone attaccate alla pavimentazione con incisi dei nomi per ricordare gli Ebrei deportati e uccisi nei campi di sterminio.

Visita la mappa per vedere la posizione 

Vi servo una curiosità: lo sapevate che la parola Ghetto è di origine veneziana?

Deriva dal termine “Getto” il cui significato era fonderia, un quartiere di Venezia dove erano situate le fonderie e lì vi si erano stabiliti gli Ebrei. Quel terreno, che era una discarica dei residui delle fonderie quindi era zona degradata, viene assegnato dalla Repubblica agli Ebrei, non sono loro a sceglierselo. È la pronuncia tedesca che determina il suono “Ghetto”

 

Per prenotare la tua visita e per tutte le informazioni clicca qui


Locanda Sturion
star Offerte today Prenota mail_outline Contattsaci place Dove Siamo